Paleo dieta: mangia come un cavernicolo per perdere peso

paleo dietaI nutrizionisti non sanno proprio più cosa inventarsi.

L’ultima?

Mangiare quello che mangiavano gli uomini primitivi, quelli che, non avendo ancora scoperto l’agricoltura, si cibavano principalmente di selvaggina e frutti selvatici.

Preparatevi ad entrare nel mondo della dieta Paleo e dite ciao al pane e ai carboidrati complessi: è tempo di mangiare come Fred Flintstones!

In cosa consiste la dieta Paleo

La dieta Paleo (che prende il suo nome appunto dal paleolitico) consiste principalmente di piante e selvaggina, cercando di creare un regime alimentare il più possibile simile a quello sostenuto dagli uomini delle caverne.

Si torna a mangiare, in parole povere, come si mangiava 10.000 anni fa. Il perché di una scelta del genere risiede nella convinzione (scientificamente supportata) che il nostro corpo non si sia evoluto molto, almeno a livello di sistema digestivo, rispetto a quello dei nostri antenati più prossimi.

In sostanza si tratta di eliminare tutte le conquiste moderne per quanto riguarda l’alimentazione, evitando farinacei, granaglie, animali d’allevamento e altre modernità che, secondo chi sposa questo regime alimentare, sono semplicemente senza senso.

La dieta paleo è pericolosa?

Sentendo quanto dice l’inventore di questa dieta, il Prof. Loren Cordain, questa dieta è basata su test clinici che mostrano come la dieta Paleo riduca il rischio di problemi cardiovascolari, problemi di pressione e infiammazioni, aiutando al contempo chi vuole dimagrire, ridurre acne e inestetismi e, ultimo ma non meno importante, anche chi stia cercando di ottenere risultati sportivi importanti. I suoi supporter hanno pubblicato tonnellate di libri e paper scientifici, creando un nucleo compatto di ultrà della dieta Paleo che ha praticamente raggiunto ogni tipo di pubblicazione scientifica e non. Il punto è sempre lo stesso: i moderni regimi alimentari favoriscono obesità, problemi di cuore, diabete e altri tipi di problemi che invece potrebbero essere eliminati con la dieta paleo.

I problemi della dieta paleo

Altri studiosi però sottolineano come il nostro corpo (anche qui con una base scientifica) si sia sostanzialmente adattato a processare farinacei, granaglie, e zuccheri complessi, ipotesi invece fortemente attaccata dal Prof. Cordain e dai suoi, che sottolineano come granaglie et similia, ritenuti da sempre alimenti che aiutano a stare in salute, siano invece fondamentalmente dannosi per il nostro organismo.

Cosa si può mangiare nella dieta Paleo?

La lista di quello che si può mangiare in un regime alimentale Paleo è in realtà piuttosto semplice da stilare. Immaginate di essere trasportati, con una macchina del tempo, a 10.000 anni fa, albori della storia dell’uomo moderno. Potrete dunque nutrirvi seguendo il regime alimentare di una società che non era ancora stanziale, e che era basata sulla raccolta di cibo, piuttosto che sulla sua produzione. Carne, frutti di mare, noci, radici, frutta, bacche, pesce. Vale qui un’avvertenza: il cibo che troviamo oggi non può ahinoi essere troppo vicino a quello dei nostri antenati. Le bestie sono allevate, la frutta creata in frutteti e quindi potremo al massimo mangiare quello che è un surrogato dei prodotti disponibili 10.000 anni fa. Ma niente paura, gli esperti di dieta Paleo assicurano che questo sia più che sufficiente.

Dieta Paleo: come funziona?

Secondo i fautori di questo regime alimentare il regime Paleo dovrebbe aiutare a combattere obesità e diabete, piaghe sociali e di salute dell’occidente sviluppato. Una dieta ricca di proteine, che ottiene fibre e fluidi dalle piante, insieme per essere sazianti, per controllare i livelli di zucchero nel sangue e altri importanti fattori. Il piano funziona grazie all’eliminazione dei carboidrati complessi, che secondo alcune scuole di nutrizionisti sarebbero i maggiori responsabili per l’ingrassamento dilagante in tutti gli strati della popolazione.

Cosa dicono gli esperti?

La dieta Paleo, così come le altre diete molto popolari, ha scatenato reazioni di segno opposto tra i nutrizionisti. I problemi più comuni sono nei costi di una dieta del genere (ottenere alimenti naturali è particolarmente costoso), nella scarsa varietà degli alimenti e nei problemi di deficit di alcuni nutrienti che si potrebbero sviluppare nel lungo periodo.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons