Loading...

Chips proteiche: vanno bene come snack post allenamento?

Dopo l’allenamento, sia che si vada in palestra, sia che si svolgano dei work-out in casa, capita spesso di sentirsi un po’ affamati. Se da una parte però sentiamo il bisogno di soddisfare il nostro languorino, dall’altra non vogliamo vanificare gli effetti dell’allenamento, né appesantirci eccessivamente con un cibo troppo calorico.

Da questo nasce la necessità di trovare degli snack equilibrati dal punto di vista nutrizionale, gustosi e allo stesso tempo facili da preparare o da reperire in negozio. L’ideale sarebbe anche che fossero ricchi di sali minerali, per reintegrare quelli persi durante l’allenamento, specie nelle stagioni più calde.

Ebbene, le chips proteiche possono rispondere a tutti questi bisogni. Deliziose da sgranocchiare, ricche di fibre e di proteine, favoriscono anche la digestione e hanno un alto potere saziante. Sono inoltre pratiche da trasportare e consumare, per quando proprio non vogliamo aspettare di essere tornati a casa dalla palestra. Ma, precisamente, cosa sono?

Uno spuntino adatto ad ogni palato

Le chips altro non sono che fettine di frutta o verdura essiccate. Le prime a comparire nei nostri supermercati sono state le banana chips, in cui alle fettine di banana disidratate viene aggiunto zucchero o miele sulla superficie. Questo secondo passaggio non è necessario: anche fatte al forno, le chips mantengono intatto tutto il gusto della frutta e della verdura.

Se stiamo seguendo un regime di allenamento fisico, dovremmo tuttavia orientarci su delle chips proteiche e senza carboidrati. In commercio le più diffuse sono realizzate con l’albume e il formaggio, e contengono solo 3 kcal a chips. Ma non mancano chips di tofu, di alghe, dei più svariati tipi di frutta ma anche di patate.

Molti brand che commercializzano le chips proteiche di patate garantiscono che, rispetto a delle normali patatine, esse contengano ben l’80% di grassi saturi in meno. Spesso, per renderle ancora più leggere, la cottura avviene tramite il metodo “popped”, ossia soffiato.

Un’idea originale: le chips di cavolo nero

Fonte di vitamine, di acido folico e di sali minerali, il cavolo nero è uno snack ideale post-allenamento. Per consumarlo in modo rapido e gustoso, si può utilizzare per cucinare delle chips. È sufficiente munirsi di un cespo di cavolo nero riccio, olio extravergine d’oliva, sale e semi di sesamo.

Dopo aver separato la parte più morbida dallo stelo, si procede tagliando a pezzettini le foglie del cavolo. Si condiscono poi semplicemente con olio e sale, mescolando bene con le mani stando attenti a non strizzare troppo le foglie. Alla fine, si possono aggiungere i semi di sesamo.

A questo punto sarà sufficiente disporre le foglie condite sulla carta da forno, per poi infornarle a 150° in forno ventilato, per 30 minuti circa. Girandole di tanto in tanto, si garantirà una cottura uniforme. Una piccola accortezza: disporre le foglie del cavolo senza che si sovrappongano l’una all’altra, così da farle risultare molto più croccanti.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons