Loading...

Palla medica: guida alla scelta di quella adatta

La medical ball, o palla medica, è un attrezzo sportivo, funzionale e curativo molto utilizzato sia negli allenamenti in palestra che nell’home fitness, ma anche in ambito riabilitativo.

Esistono numerose tipologie di palla medica in commercio, che si differenziano per caratteristiche strutturali quali materiale, peso, dimensione, etc., ciascuna delle quali ha uno scopo ben preciso.

Se state pensando di acquistare una palla medica per esercitarvi da casa, o siete semplicemente curiosi di come sceglierne una, ecco quali aspetti dovrete considerare. Continuate a leggere.

Aspetti da non sottovalutare: materiale e texture

Nella scelta di una palla medica bisogna tenere conto di alcuni fattori. Partiamo con il materiale. Molte palle mediche sono realizzate in pelle o ecopelle. Si tratta di un materiale confortevole al tatto, ma relativamente fragile. Il contatto con il sudore, infatti, può alterare lo stato della pelle.

Meglio scegliere il PVC, il polivinilcloruro, un materiale simile alla gomma. Questo assicura una buona presa, anche con le mani sudate, e può essere sanificato senza il rischio di rovinarlo (a differenza della pelle). Inoltre è un materiale versatile perché può essere più o meno duro.

La presa, o grip, è favorita anche dal tipo di texture della palla medica. Bisogna sempre scegliere un rivestimento antiscivolo, fatto con piccoli rilievi che permettono di “aggrapparsi” alla palla. Alcuni modelli presentano delle apposite maniglie, ma sono finalizzate a un uso specifico e sono quindi meno versatili.

Peso e dimensioni

Un’altra caratteristica fondamentale è il peso della palla medica. Si va da un minimo di 1 kg a palle che superano i 14 kg usate unicamente da professionisti. Le palle con peso inferiore sono più indicate per la fisioterapia e la riabilitazione, e in generale per i principianti.

Anche la dimensione delle palle incide. Quelle più piccole, tipo palline da tennis, si utilizzano su arti come mani e piedi e per esercizi delle scapole. Sono sfruttate anche nel mondo della fisioterapia e della riabilitazione.

Le palle più grandi, come quelle medie da 20 cm, allenano braccia, gambe e il core, i muscoli della parte centrale del busto. In ogni caso bisogna sempre farsi consigliare da un esperto sul peso da utilizzare per non rischiare incidenti come strappi muscolari.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© 2022 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons