Loading...

Dieta Volumetrica: fa dimagrire?

Scopriremo in questo articolo una nuova dieta perdi peso basata sul senso di sazietà che i vari alimenti riescono a trasmetterci grazie alla loro densità.

La dieta volumetrica è stata ideata dalla nutrizionista americana Barbara Rolls e dopo aver riscosso grandi consensi negli Stati Uniti da qualche anno si sta diffondendo anche oltre oceano dove sempre più persone hanno abbracciato questo modello per provare a dimagrire.

Il grande vantaggio di questo regime alimentare è che, a differenza di qualsiasi altra dieta non dovrete convivere con il senso di vuoto nello stomaco e fame perenne, é previsto infatti il consumo di buone quantità di cibo a patto che questo sia povero di calorie ma abbia molto volume.

Ingannare stomaco e mente

Il principio fondamentale della dieta volumetrica è proprio l’inganno, i cibi che vengono consigliati sono tutti molto poveri di nutrienti ma riescono a far credere, prima al nostro stomaco e poi alla nostra mente, di aver mangiato a sufficienza.

In questo modo sentendoci appagati riusciremo a placare l’appetito e non continueremo a mangiare all’infinito poiché non si avrà più spazio da riempire.

Cibi consigliati

Di base i cibi che dobbiamo consumare per riuscire a dimagrire, mangiando in quantità uguali o addirittura maggiori rispetto a prima, sono quelli molto ricchi di fibre e che contengono molta acqua.

Per essere più precisi analizziamo la piramide alimentare di questa dieta basata sulla densità calorica dei cibi ricordando che più la densità è bassa più i cibi di quella categoria possono essere consumati:

  • Densità bassissima: verdura e frutta con scarse quantità di amido, latte totalmente scremato e yogurt;
  • Densità bassa: cereali integrali, verdura e frutta amidacea, pesce e legumi di ogni tipo;
  • Densità media: carne bianca o rossa, formaggi, dolci e salse;
  • Densità alta: pane, biscotti, cioccolata, snack e condimenti.

Controindicazioni

La problematica più seria che potrebbe derivare dalla dieta volumetrica riguarda non l’alimentazione ma la nutrizione, infatti prediligendo questi tipi di cibo c’è il rischio che si mangi molto senza però acquisire tutti i nutrienti di cui il nostro corpo ha bisogno.

Per questo motivo gli esperiti consigliano un periodo di dieta che non superi le due settimane.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons