Loading...

Dieta biblica o del creatore: che cos’è e come funziona

Ogni giorno spuntano diete particolari per perdere peso seguendo i regimi alimentari più… assurdi!

In questo caso parliamo di una dieta davvero unica nel suo genere, che promette di perdere peso seguendo una dieta vicina a Dio: la dieta biblica o del creatore.

Si tratterebbe di una dieta in linea con i racconti della Bibbia, ma soprattutto sarebbe quella seguita dall’israelita Daniele. Vediamo di approfondire.

La storia in breve

La dieta biblica o del creatore deriva da un episodio che interessò Daniele, israelita fedele a Dio, ai tempi del re Nabucodonosor di Babilonia. Il re era pagano e aveva conquistato Gerusalemme e si circondava nel suo palazzo di soli giovani servitori, i migliori e più intelligenti tra gli israeliti.

Daniele era uno di loro e si trovò al servizio del re, e si narra che rifiutò il cibo di un banchetto reale perché venivano serviti carni di animali impuri e alimenti non concessi.

Ed è su questo principio che si basa la dieta del creatore. Vediamo ora nel dettaglio come funziona e quali sono gli alimenti che si possono mangiare e quali no.

Alimenti vietati

I cibi vietati dalla dieta del creatore o biblica sono la maggior parte degli alimenti contemporanei come i dolcificanti e persino il sale iodato. Vietati anche i biscotti, i latticini, il pane e la pasta e tutti i prodotti industriali.

No anche a succhi di frutta, caffeina e simili, dolciumi in pacchetti come le caramelle o le gomme, e via discorrendo. Niente quindi, che possa cozzare con una alimentazione tipica di quei tempi.

Alimenti concessi

Gli alimenti concessi sono gli ortaggi, meglio se biologici e ovviamente non congelati. Ok asparagi e barbabietole come carciofi e broccoli, concesse le carote e il cavolfiore, le melanzane e i fagiolini e la maggior parte dei prodotti da orto salutari e bio.

Anche per la frutta valgono le stesse raccomandazioni, meglio se biologica e fresca e sono concesse le albicocche, le banane, le more e i frutti rossi, i fichi, gli agrumi, le pesche e anche alimenti come papaya e avocado.

Per i legumi, sempre freschi e biologici, vanno bene i ceci, i fagioli e le lenticchie. Concessa la frutta a guscio e i semi, ovviamente sempre biologici e non trattati con zucchero o sale.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons