Loading...

Dieta e salute in menopausa

La menopausa è uno dei momenti più difficili da affrontare per una donna. L’attività delle ovaie cessa e diminuisce la produzione degli estrogeni. Anche le mestruazioni terminano assieme alla capacità riproduttiva.

La menopausa arriva in genere tra i 45 e i 55 anni e si considera tale se le mestruazioni non compaiono più per almeno 12 mesi. Le donne fumatrici sono le più esposte ad una menopausa precoce, che può comparire fino a tre anni in anticipo.

La dieta può aiutare ad affrontare meglio la menopausa e le sue conseguenze? Quale dieta seguire per sentirsi al meglio e quali cibi evitare? Vediamolo insieme nella nostra guida di oggi.

Menopausa e dieta

La prima cosa da fare è fare attenzione al calcio. Un apporto di calcio ottimale è necessario per la salute delle ossa, soprattutto dopo l’inizio della menopausa.

Anche il ruolo delle fibre è importante per mantenere in salute l’intestino e per aiutare il transito intestinale.

La caffeina, invece, è da ridurre o addirittura da evitare dato che è stato dimostrato che ostacola l’assorbimento di calcio. Anche l’alcol interferisce con l’assorbimento di calcio e il suo consumo va ridotto.

Per aiutare l’organismo e le ossa a restare in salute anche in menopausa, è importante avere un corretto apporto di vitamina D.

Purtroppo però l’esposizione ai raggi solari non è sufficiente per incorporare abbastanza vitamina D e spesso bisogna assumere integratori. Si deve fare molta attenzione anche al peso in eccesso in quanto può interferire negativamente con l’assorbimento del calcio in menopausa.

Anche svolgere attività fisica quotidiana è importante per mantenere in salute l’organismo, la colonna vertebrale, le ossa e le articolazioni. L’attività fisica ritarda l’osteoporosi e l’artrosi oltre a migliorare l’umore.

I nostri consigli

Ecco cosa fare per minimizzare i rischi della menopausa e sentirsi energiche e al meglio:

  • Evitare o ridurre il consumo di alcol;
  • Smettere di fumare;
  • Fare esercizio fisico quotidiano;
  • Ridurre il consumo di caffeina;
  • Assumere supplementi di calcio e/o integratori di vitamina D;
  • Seguire una dieta bilanciata.

Gli integratori vanno prescritti dal medico a seguito di esami e analisi. In alcuni casi può essere utile anche seguire una cura ormonale sostitutiva prescritta dal medico.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© 2022 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons