Loading...

Proteine in polvere: le controindicazioni più comuni

proteine polvereCi sono tanti sportivi che assumono proteine in polvere e che desiderano raggiungere il corretto apporto di proteine quotidiano, ma quali sono le controindicazioni delle proteine in polvere? Vediamolo insieme nella nostra guida sugli effetti collaterali e sulle controindicazioni delle proteine in polvere.

Proteine in polvere: controindicazioni

Qui di seguito elenchiamo i diversi tipi di proteine, con le loro controindicazioni. Le proteine del siero del latte si trovano nel latte, stimolano il rilascio di insulina e aiutano l’aumento della massa magra. Possono interagire con alcuni medicinali, come ipoglicemizzanti, farmaci per diabetici od insuline e farmaci contro l’ipertensione.

Le proteine del latte interagiscono con anticoagulanti, cumarinici, FANS ed eparine aumentando il rischio di sanguinamento. Chi soffre di danni renali dovrebbe evitare l’assunzione di proteine. Non devono essere assunte e in gravidanza ed allattamento e se il soggetto soffre intolleranza al lattosio.

Le proteine del latte interagiscono con i seguenti farmaci e integratori:

  • Calcio;
  • Anticonvulsivanti;
  • Antibiotici;
  • Anticoagulanti;
  • Rame;
  • Antipertensivi;
  • Antidolorifici;
  • Colostro;
  • Vitamine;
  • Acido Folico;
  • Antidepressivi;
  • Ferro;
  • Antiretrovirali;
  • Leucina;
  • Antimicotici;
  • Maltodestrine;
  • Ipotensivi;
  • Probiotici;
  • Limonene;
  • Omega 3 e 6;
  • Spirulina;
  • Selenio;
  • Soia;
  • Zinco;
  • Iperico.

Le proteine della caseina possono dare origine ai sintomi dell’allergia come: vomito, crampi, coliche e dolori addominali, tosse, diarrea, naso chiuso e che cola, rash cutaneo e orticaria, lacrimazione.

L’utilizzo di proteine della caseina è sconsigliato a chi segue terapie ipotensive e anche in gravidanza ed allattamento.

Le proteine della soia non presentano effetti collaterali se consumate nelle giuste dosi, ma sono controindicate in gravidanza ed allattamento perchè potrebbero interferire con la crescita del feto o del lattante.

Le proteine della soia possono dare origine ad un peggioramento delle condizioni di ipotiroidismo, asma e diabete. Ma non solo; possono, infatti, anche interagire con i farmaci antidepressivi ed avere interazioni con:

  • Antidepressivi;
  • Warfarin;
  • Tamoxifene;
  • Estrogeni;
  • Antibiotici;
  • Sartani.

Le proteine del pisello contengono purina e alti livelli potrebbero causare la gotta. Non ci sono altre interazioni da segnalare, ma è sempre consigliabile rivolgersi al medico o al nutrizionista.

Le proteine della canapa, se consumate in modo eccessivo, possono causare diarrea, crampi, dolori addominali ed aerofagia. Possono avere un effetto anticoagulante e dare origine ad emorragie se si assumono dei farmaci anticoagulanti. Le proteine del riso integrale non hanno effetti collaterali se si escludono quelli associati ad una reazione di ipersensibilità.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons