Loading...

Parkinson: come mangiare per deglutire meglio

Per un malato di Parkinson deglutire bene e mangiare con gusto è spesso un’impresa ardua, se non impossibile. Ma, fortunatamente, ci sono dei metodi da mettere in pratica per favorire al malato la deglutizione.

Ma quali sono i consigli per deglutire bene e mangiare con gusto? Oggi ci occuperemo proprio di questo, dando una risposta concreta a questa domanda che affligge molti malati di Parkinson e le persone che sono al suo fianco.

Perché con il Parkinson non si riesce più a deglutire?

Come molti di voi già sapranno, il Parkinson è una patologia neurodegenerativa, cioè è una malattia dal decorso lento e dal peggioramento progressivo che colpisce il nostro sistema nervoso.

I vari tipi di parkinsonismo colpiscono direttamente la capacità dell’individuo di gestire i suoi movimenti e quindi anche l’equilibrio e, oltre a questo, con il tempo si presenteranno altre difficoltà, tra cui anche l’incapacità di deglutire e gustarsi il cibo.

Questa problematica, in ambito clinico, viene chiamata disfagia ed è un problema che deriva dalla rigidità muscolare tipica della malattia e, di conseguenza, si verifica anche una mancanza di coordinazione dei muscoli coinvolti nella deglutizione, tra questi muscoli ricordiamo i seguenti:

  • I muscoli mandibolari;
  • I muscoli dell’esofago;
  • I muscoli della lingua;
  • I muscoli della laringe.

La conseguenza più grave di questo problema riguarda la probabilità che il cibo vada a finire nelle vie respiratorie del paziente, provocando una brutta infezione respiratoria o, addirittura, dei problemi di malnutrizione. Ma come facciamo a capire che siamo già al punto della disfagia? Vediamolo in seguito.

Come facciamo a riconoscere la disfagia?

La disfagia tipica del Parkinson può essere riconosciuta attraverso dei segni ben precisi:

  • Difficoltà nella respirazione a causa del fatto che il cibo rimane bloccato nella gola;
  • Aumento della salivazione e del muco, sia durante i pasti sia dopo i pasti;
  • Disidratazione e perdita di peso a causa dell’impossibilità di assimilare le sostanze con l’alimentazione;
  • Raucedine dopo i pasti;
  • Aumento della temperatura nel pomeriggio;
  • Il fatto di dover fare diversi tentativi per deglutire anche un solo boccone;
  • Presenza della tosse durante il passaggio del cibo o subito dopo.

Come possiamo gestire questo problema?

Gestire questa situazione non è affatto facile. Sarebbe opportuno accanirsi sull’alimentazione quando il trattamento farmacologico è al massimo della sua efficacia, quando si è riposati e il paziente è in grado di riferire eventuali difficoltà nella deglutizione.

Prima dei pasti potrebbe essere utile ingerire degli alimenti freddi, ad esempio una bevanda ghiacciata o un ghiacciolo, così da stimolare la muscolatura di cui abbiamo parlato all’inizio dell’articolo.

Se per il malato è impossibile mangiare e deglutire con calma, sarebbe opportuno chiedere un consiglio ad un nutrizionista che, nei casi più gravi, consiglierà il posizionamento di una PEG.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons