Loading...

Perché mangiare la frutta con la buccia mentre si è a dieta

frutta bucciaCe lo dicevano le nostre nonne e soltanto adesso abbiamo cominciato, finalmente aggiungiamo noi, a dargli ascolto. Parliamo della buccia della frutta, che per anni è stata colpevolmente eliminata in fase di preparazione e che oggi invece torna prepotentemente alla ribalta, soprattutto per chi è a dieta.

Nel corso della guida di oggi proveremo a rispondere al quesito d’apertura: perché conviene mangiare la frutta con la buccia? Che benefici apporta? 

Alla fine della digressione capiremo perché, se abbiamo sbucciato le nostre mele o le nostre pere fino ad oggi, è decisamente arrivato il momento di dare una sterzata.

Lavare bene la buccia

Soprattutto quando si tratta di frutta che proviene da agricoltura non biologica, è assolutamente necessario andare a lavare bene la buccia prima di consumarla. Non serve Amuchina, non servono disinfettanti, ma soltanto una buona lavata sotto acqua corrente. Preoccupiamoci non solo di rimuovere eventuali pesticidi, ma anche i residui potenziali di terra, dato che potrebbero contenere degli agenti patogeni decisamente pericolosi.

Una volta che avremo lavato per bene la nostra frutta, potremo procedere a consumarla senza preoccupazioni.

Perché mangiare la buccia: le fibre

Il punto più importante per quanto riguarda la buccia è sicuramente il suo contenuto in fibre. Si tratta di un non-nutriente per gli umani, dato che non può essere digerito dal nostro stomaco e viene dunque espulso quasi per direttissima attraverso le feci. Le fibre sono di enorme importanza in quanto assorbono liquidi nello stomaco e aumentano il volume delle feci, combattendo la stitichezza che è sempre un’eventualità durante la dieta, soprattutto se abbiamo ridotto sostanzialmente le porzioni.

Invece di assumere integratori, che vanno pur bene, meglio comunque assumere le fibre da alimenti naturali, come appunto la frutta.

Indice glicemico più equilibrato

Consumare la frutta con la buccia, inoltre, contribuisce a normalizzarne l’indice glicemico, offrendo dunque a chi la consuma un alimento più equilibrato e soprattutto non in grado di causare sbalzi di zuccheri nel sangue. Si tratta di una proprietà fondamentale, dato che spesso sono proprio questi sbalzi a causare gli attacchi di fame durante la dieta.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons