Loading...

Allergie: la dieta per combatterle

dietaPremettiamo immediatamente che non esiste una dieta contro le allergie che sia adatta a tutti gli allergici, in quanto ognuno subisce fastidi dovuti alle sostanze a cui è allergico e non esiste una dieta perfetta per tutti.

In questo articolo vi parliamo di una dieta generica che abbassa i livelli di istamina, ovvero i livelli della sostanza che causa i problemi di allergia. L’istamina è importante per il passaggio delle sostanze tra le varie cellule del corpo.

La presenza di istamina aiuta il corpo anche nella risposta immunitaria quando compaiono allergie e infiammazioni. Livelli alti di istamina possono causare anche:

  • Orticaria;
  • Asma;
  • Congiuntivite;
  • Diarrea;
  • Flatulenza;
  • Rinite allergica;
  • Crampi e dolori allo stomaco;
  • Nausea;
  • Tachicardia;
  • Mal di testa;
  • Prurito a naso, pelle e occhi.

L’istamina si trova in moltissimi alimenti e può essere la causa scatenante di reazioni allergiche.

Dieta contro l’istamina

Per abbassare i livelli di istamina nel vostro corpo dovete evitare di mangiare cibi che ne contengono una quantità per voi pericolosa. Bisogna evitare soprattutto alimenti come:

  • Pomodori;
  • Conserve fatte in casa;
  • Spinaci;
  • Crostacei;
  • Scatolame;
  • Insaccati;
  • Caffè;
  • Cioccolata;
  • Limoni, arance e agrumi in generale;
  • Fragole;
  • Kiwi;
  • Banane;
  • Frutta secca (noci, mandorle, noccioline, ecc.);
  • Miele.

Questi cibi contengono alti livelli di istamina e sono pericolosi per chi soffre di allergie. In genere i medici consigliano di disintossicarsi da questi alimenti per un periodo di almeno sei mesi, per poi reintrodurli pian piano e senza esagerare.

Ovviamente non per tutti il risultato è lo stesso, quindi non eliminate, né reintroducete mai dei cibi senza prima aver chiesto consiglio al vostro medico.

La dieta: un esempio

Ecco un esempio di dieta con bassi livelli di istamina, ma prima di buttarvici a capofitto, chiedete consiglio al vostro medico di fiducia.

  • Colazione: latte con cereali (acquistate quelli senza frutti secchi);
  • Spuntino: frutta (con poca istamina, le mele vanno bene);
  • Pranzo: riso in bianco;
  • Spuntino: fette biscottate;
  • Cena: petto di pollo o di tacchino ai ferri, insalata.

Se amate la frutta, potete consumarla cotta per distruggere l’istamina o passarla per qualche secondo nel microonde. Una volta distrutti i legami dell’istamina, i livelli si abbasseranno e il pericolo per voi sarà minore anche se non rinuncerete al gusto della buona frutta.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons