Loading...

Riso Integrale: si può consumare durante la dieta?

riso integraleIl riso non è uno di quegli alimenti che troviamo spesso nei piani dietetici e questo perché si tratta di un cibo che è qualitativamente inferiore alla pasta, soprattutto per chi è a dieta. Ha un indice glicemico infatti più alto e ci fa tornare la fame prima dell’equivalente, in calorie, della pasta.

Quando parliamo però di riso integrale, il discorso ovviamente cambia, dato che si tratta di un alimento molto diverso da quello “raffinato”.

Il fatto di avere più fibre può rendere il riso finalmente adatto, almeno in questa versione, alla dieta? Vediamolo insieme.

Calorie? La differenza è minima

Se pensavate di risparmiare molto a livello calorico semplicemente passando dal riso normale a quello integrale, sbagliate di grosso. La differenza è infatti minima e raramente supera il 10%. Se in 100 grammi di cereale raffinato ci sono infatti 370 calorie, nella versione integrale dovremo pur comunque fare i conti con un alimento che ha circa 330 calorie per 100 grammi di prodotto.

Si tratta di una quantità di calorie non modesta e comunque in linea con quella che viene offerta da alimenti come la pasta. No, il riso integrale non è un alimento dietetico, ma dato che da qualche parte dovremo necessariamente prendere i carboidrati che ci servono, caloricamente dovremo pur fare qualche compromesso.

Certo, ci sono più fibre

È ovviamente innegabile che avere più fibre a disposizione (nel riso integrale contano per circa il 5-6% del peso del prodotto) sia sicuramente qualcosa di buono per la dieta. Le fibre insolubili, come quelle che sono contenute nel riso integrale infatti, permettono di avere un ciclo intestinale più regolare, una defecazione più agevole e in ultimo di sentirci anche più sazi durante i pasti.

Le fibre sono dunque un ottimo non-nutriente e il riso integrale, che ne è ricco, trova proprio qui il suo punto di forza.

Ogni tanto si può consumare

Ogni tanto si può sicuramente consumare il riso integrale, a patto di non esagerare con i condimenti e soprattutto di non consumarlo troppo di frequente. I dietologi italiani continuano a preferirgli la pasta (anche questa in soluzione integrale), un alimento più digeribile, che mantiene sazi più a lungo e che ha un indice glicemico di gran lunga migliore di quello del riso integrale.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons