Loading...

Quali sono i sintomi della Chetosi?

chetosiLa chetosi è un particolare stato del nostro corpo, ritenuto dalla medicina come patologico e non normale, che segnala un alterato metabolismo per quanto riguarda gli acidi grassi. Si tratta di una condizione che si raggiunge in genere dopo un digiuno prolungato (almeno 72 ore), oppure dopo una privazione dai carboidrati per lunghissimi periodi.

La chetosi è lo stato che, al tempo stesso, è ritenuto desiderabile da chi segue diete low-carb, ovvero quelle particolari diete che hanno come obiettivo quello di entrare in chetosi per bruciare, come combustibile principale, il grasso al posto del glicogeno.

Vediamo insieme quali sono i sintomi di questo particolare stato e soprattutto quali sono i segnali che ci indicano l’ingresso, appunto, nello stato di chetosi.

La chetosi e i suoi sintomi

I sintomi della chetosi sono piuttosto tipici e permettono di individuare l’ingresso in questo stato piuttosto facilmente:

  • Alito cattivo, che ricorda quello dei bambini quando hanno l’acetone;
  • Mal di testa costante, soprattutto al mattino;
  • Senso di vertigini;
  • Nausea;
  • Crampi;
  • Disidratazione;
  • Dolore ai reni.

Si tratta di sintomi che sono tutti riconducibili al fatto che il nostro corpo comincia a produrre corpi chetonici, che sono sostanze di scarto che il nostro corpo prova ad eliminare appena possibile, ricorrendo ad un lavoro d’emergenza dei reni e del fegato.

Per questo motivo le diete che puntano alla chetosi sono assolutamente sconsigliate a chi abbia una condizione pregressa di sofferenza ai reni, condizione che potrebbe essere ulteriormente pregiudicata dal ricorso a diete di questo tipo.

Come essere sicuri di essere in chetosi?

Si può chiedere al proprio medico curante di effettuare delle analisi specifiche che cercheranno di rintracciare, nelle vostre urine, le tracce dei corpi chetonici. Si tratta però di analisi che il vostro medico può interpretare in un solo senso: la chetosi non è uno stato desiderabile da parte di chi vuole vivere in buona salute e per questo motivo il vostro medico procederà sicuramente con lo sconsigliarvi questo tipo di pratiche.

Si possono combattere i sintomi?

Sì, semplicemente uscendo dallo stato di chetosi. Si tratta di qualcosa di importante, ma che potrebbe essere ovviamente il contrario del risultato che stavate provando ad ottenere.

Non ci sono altri tipi di rimedi che possano contrastare quelli che sono i sintomi (fastidiosi) della chetosi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons