Loading...

Dieta del Buonumore: come funziona?

broccoliDi diete strampalate, purtroppo, ci ritroviamo a parlare con una certa frequenza. Si tratta di un universo praticamente sconfinato, contro il quale sentiamo il bisogno di mettere in guardia i nostri lettori.

Quella di oggi non sarebbe neanche la peggiore, dato che si tratta di un regime dietetico tutto sommato equilibrato, ma che promette qualcosa che non è in grado di mantenere, ovvero il ritorno all’allegria.

Sì, parliamo proprio della dieta del buonumore, una dieta che promette di farci tornare allegri semplicemente modificando il nostro regime alimentare e, cosa più importante, senza il bisogno di ricorrere, anche nei casi di depressione clinica, ad alcun tipo di psicofarmaco.

Il ruolo centrale della vitamina B

Il ruolo centrale in questa dieta è assunto dalla Vitamina B, una vitamina che è contenuta in diversi alimenti, come:

  • Cereali
  • Lattuga
  • Broccoli
  • Spinaci
  • Prugne
  • Avocado
  • Agrumi
  • Arachidi
  • Ananas
  • Orzo
  • Pomodori

e tanti altri alimenti, in genere di carattere vegetale, che sono anche ottimi da aggiungere alla dieta perché hanno una bassa densità calorica, permettendo, oltre che di ritrovare l’allegria, anche di buttare giù qualche chilo di troppo.

Il piano

Di seguito vi offriamo un piano tipo per la dieta del buonumore, per aiutarvi a valutare se sia il caso o meno di seguire questo regime alimentare.

Colazione

La colazione prevede tè verde (niente caffè), 6 biscotti senza zucchero e uno yogurt magro, sia bianco che alla frutta.

Si passa successivamente, dopo una colazione relativamente ricca, direttamente al pranzo, cosa che potrebbe creare più di qualche problema a chi non riesce a controllare la fame e potrebbe essere tentato a mangiare qualcosa verso le 10:30–11:00.

Pranzo

Per pranzo potremo consumare 100 grammi di pasta (di grano normale), condita con un sugo leggero di pomodoro. In aggiunta broccoli alla griglia o al vapore, in alternativa un po’ di radicchio saltato senza grassi. Si tratta di un pranzo relativamente misero, senza alcuna fonte proteica, che potrebbe creare più di qualche problema a chi vuole rimanere sazio fino a cena.

Cena

Dopo il pranzo si passa direttamente alla cena. A cena si possono consumare 200 grammi di vitello, bietole o spinaci bolliti, senza alcun tipo di condimento.

E’ una dieta che si può seguire?

Teoricamente sì, anche se sembra piuttosto carente di proteine, soprattutto nella prima parte della giornata. Sul fatto che possa davvero riportare il buonumore a casa vostra, nutriamo come abbiamo detto prima i nostri dubbi. Parlatene con il vostro dietologo, magari potrebbe essere proprio il regime che fa per voi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons