Reflusso gastroesofageo: dieta d’esempio

reflusso esofageoLa dieta non serve soltanto per dimagrire, ma è, come amiamo ripetere sulle pagine del nostro sito, un autentico presidio di salute.

Oggi ci occupiamo delle interazioni tra alimentazione e reflusso gastroesofageo, una patologia che può essere efficacemente combattuta proprio partendo dalla tavola.

Pronti per la dieta contro il reflusso? La vediamo tra pochissimo.

Perché la dieta?

Una dieta contro il reflusso è un regime alimentare che ci permette di limitare al massimo l’eccessiva produzione di secrezioni gastriche, limitando al tempo stesso l’espulsione di queste verso l’alto, ovvero verso l’esofago.

Si tratta di alcuni presidi che ci indicano di eliminare dalla nostra dieta alcuni alimenti che favoriscono l’abbondanza delle secrezioni, andando a combattere il problema davvero alla radice.

Non una dieta completa, ma una lista di alimenti da evitare

Contro il reflusso gastroesofageo non avremo bisogno di una dieta completa, ma piuttosto di conoscere gli alimenti che, a tutti i costi, devono essere eliminati dalla nostra alimentazione.

Non devono essere assunti infatti:

  • Alcolici, di qualunque gradazione. L’alcol infatti crea non solo infiammazioni a livello dello stomaco, ma al tempo stesso stimola anche la produzione di succhi gastrici.
  • Bevande gassate: aiutano la digestione, ma attaccano, anche se solo leggermente, le mucose gastriche, causando parte dei problemi tipici del reflusso.
  • Caffè e bevande con caffeina, come Coca Cola e tè. Vanno limitati, per quanto possibile, dato che anch’essi sono fonte di infiammazione gastrica, alla quale il nostro stomaco risponde secernendo più succhi gastrici.
  • Cibi troppo speziati: i cibi troppo speziati scatenano una reazione avversa al livello dello stomaco. Sono da bandire non solo i peperoncini, ma anche pepe, zenzero e noce moscata.
  • Grassi animali: per questo motivo dovremo limitare al massimo l’assunzione di burro, di insaccati, di carni troppo grasse, di salsicce e anche di lardo.
  • Frittura: anche la frittura causa un’aumentata secrezione di succhi gastrici. Per questo motivo vanno preferiti altri metodi di cottura.

La dieta può davvero aiutare?

Sì. La dieta è il primo presidio medico per combattere il reflusso gastroesofageo. Gli effetti positivi di un’alimentazione corretta cominceremo a raccoglierli praticamente da subito, quindi sin da oggi impegniamoci a rivedere la nostra alimentazione in questo senso. No assoluto ai cibi banditi, per tornare in salute e tornare, al tempo stesso, a concederci di tanto in tanto questi cibi banditi quando avremo recuperato la nostra salute.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons