Dieta Dukan per Vegetariani: il Menù di Esempio

seitan dukanLa dieta Dukan è una dieta basata sulle proteine e che quindi è ritenuta, erroneamente, non adatta ai vegetariani. Si tratta di un errore però macroscopico, dato che ci sono tantissimi alimenti non animali che possono fornire un buon apporto di proteine.

Vediamo insieme come organizzare un menù che sia adatto a chi vuole seguire la Dukan senza rinunciare al vegetarianesimo.

Quali proteine consumare?

Nella nostra cultura culinaria sono pochissime le proteine che possiamo assumere da alimenti vegetali. Oltre al tofu, che può essere ormai trovato anche nei piccoli supermercati di periferia, possiamo fare affidamento anche alla quinoa, anche se, come vedremo tra poco, non si tratta di un alimento che è adatto alla fase di attacco, dato che ha un importante contenuto in carboidrati che non può essere tollerato durante la fase, appunto, assolutamente no-carb.

La fase di attacco, la più problematica

Durante la fase di attacco possiamo seguire un menù per dieta Dukan classica, scegliendo però al posto delle carni e del pesce alimenti come il tofu, appunto, e il seitan. Per chi non è vegano si possono comunque consumare alimenti quali uova e formaggio, che possono chiudere efficacemente il gap con quelle invece che provengono dalla carne.

La colazione

Per la colazione abbiamo pensato di preparare un caffè o un tè non zuccherato, con l’aggiunta di uno yogurt sempre magro, oppure 150 grammi di formaggio molto magro, per chi preferisce una colazione salata. Si può consumare sempre e comunque un uovo, preferibilmente bollito o cotto alla coque.

Il pranzo

Il pranzo risulta forse il pasto meno problematico per chi vuole seguire una Dukan vegetariana. Potremmo infatti pensare di mangiare:

  • Seitan alla griglia con olio d’oliva.
  • Uova cotte al tegamino, con poco olio e un pezzetto di formaggio stagionato (30 grammi).
  • Parmigiano (60 grammi) accompagnato dal tufo.
  • Formaggio molle tipo stracchino, 100 grammi.
  • Uova bollite, condite con un po’ d’olio d’oliva e del formaggio grattugiato.

Gli alimenti qui riportati sono da considerarsi esclusivi, nel senso che se ne dovrà scegliere uno dalla lista e non consumarne mai più di uno durante una sola sessione di pasto.

Gli spuntini

Gli spuntini possono essere sempre a base di proteine, scegliendo di nuovo o uno yogurt magro oppure 100 grammi di formaggio fresco e magro. Occhio ai prodotti light, che contengono in genere zuccheri per rimpiazzare i grassi.

La cena

Anche la cena è un pasto che ci offre sicuramente più scelta. Possiamo riproporre di nuovo le uova, il seitan, il tofu, un formaggio fresco, un formaggio stagionato. Le scelte vanno ponderate prendendo come riferimento il pranzo.

A cena possiamo aggiungere anche un dolce, che può essere o un budino senza zucchero, fatto con latte di riso, oppure uno yogurt sempre magro.

Limitare la fase d’attacco

La fase d’attacco per i vegetariani deve essere limitata per quanto possibile. Si tratta infatti di qualcosa di estremamente difficile da seguire nel caso in cui fossimo vegetariani.

Bisogna dunque cercare di tenerla più breve possibile, controllando con il nostro medico l’ingresso o meno della fase di chetosi giorno per giorno.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons