Come digiunare?

digiunoIl digiuno, dopo essere stato considerato per anni una pratica assolutamente da evitare, si è guadagnato una certa fama come metodo per dimagrire senza troppi sforzi. Sì, senza sforzi, perché non parliamo ovviamente di digiuno totale, ma di pratiche organizzate per permetterci di mangiare, in determinate o in determinati giorni, in modo normale.

Funziona il digiuno? E come deve essere fatto? Vi raccontiamo i metodi più comuni.

Il digiuno della dieta 5:2

La dieta più comune del momento, tra quelle che professano la bontà del digiuno, è sicuramente la 5:2. Questa dieta prevede 5 giorni di alimentazione normale, pur senza esagerare, e due giorni di digiuno praticamente assoluto. I risultati sembrerebbero esserci, nonostante le teorie che vorrebbero questa pratica come potenziale rallentamento del nostro metabolismo. Non si tratta, però, di una dieta equilibrata, dato che non si cambia il nostro stile di vita rendendolo più sano, ma semplicemente si sforza il corpo per 48 ore, nella speranza che il computo delle calorie salvate in questi due giorni settimanali ci possa permettere di buttare giù qualche chilo.

Il digiuno mattutino

Un’altra dieta propone invece di digiunare per 16 ore al giorno, per poi mangiare in modo normale nelle restanti 8. Tolte le 8 ore che dovremmo passare a dormire a letto, rimangono giusto 6 ore, computabili dal nostro risveglio, durante le quali è assolutamente vietato mangiare. Si può assumere soltanto caffè senza zucchero. Questo metodo non riduce le calorie assunte, ma punta all’effetto anoressizzante del digiuno: non si mangia, infatti, per 8 ore al giorno, si finisce, sul lungo periodo, per avere meno fame anche durante le ore che avremmo destinato all’alimentazione normale.

Il digiuno completo

Ci sono anche diete, in realtà piuttosto strampalate, che prevedono un digiuno totale, ovvero solamente l’assunzione di tisane senza l’aggiunta di alcun elemento nutritivo. Si tratta di pratiche pericolosissime, che non andrebbero sostenute neanche per pochissimi giorni e che hanno come unico effetto quello di privare il nostro corpo dei nutrienti necessari al suo sviluppo. 

I benefici del digiuno

Il digiuno controllato ha degli innegabili benefici: consente al nostro corpo di essere meno carico e al nostro fegato di riposare per periodi controllati, sia a livello di ore che di giornate. Per il resto non sembrano esserci però altri benefici e la preferenza dei dietologi è sempre quella di scartare questa pratica a favore di sistemi di dieta più equilibrati, che consentano al nostro corpo sì di dimagrire, ma senza lo stress biologico dell’assenza totale di cibo, anche se per periodi limitati.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons