Dieta Molecolare: esiste una versione vegetariana?

Dieta Molecolare esiste una versione vegetarianaLa Dieta Molecolare è stata ideata dal Professor Pier Luigi Rossi, medico specializzato in Scienza dell’Alimentazione che lavora all’Ospedale San Donato di Arezzo.

Questa volta, dunque, parliamo di una dieta tutta italiana che promette di far perdere quattro chili in cinque settimane.

Vediamo, in linea generale in che cosa consiste la Dieta Molecolare e se di questo regime alimentare esiste una versione vegetariana.

La Dieta Molecolare

Il dottor Rossi, nel mettere a punto la sua Dieta Molecolare, è partito dall’assunto che i chili in eccesso si perdono non solo riducendo la quantità di cibo da consumare giornalmente, ma anche facendo attenzione alla qualità nutrizionale, ossia alla giusta combinazione di carboidrati, grassi e proteine.

Come funziona

Le cinque regole della Dieta Molecolare

  1. Consumare cinque pasti al giorno per mantenere costante il livello di glicemia nel sangue e aumentare indice di sazietà.
  2. La maggior parte delle calorie della giornata, secondo il metodo Rossi, deve essere consumato nella prima metà della giornata, quindi, durante colazione, spuntino e pranzo.
  3. Chi segue questa dieta deve tassativamente pesare minuziosamente gli alimenti che mangia a ogni pasto.
  4. Deve controllare la dose di condimenti giornaliera.
  5. Per la Dieta Molecolare è indispensabile mangiare verdura, cruda o cotta, a pranzo e cena. La frutta va consumata negli spuntini di metà mattina e pomeriggio.

La qualità nutrizionale

Spiega il dottor Rossi che un’alimentazione sbilanciata, non solo fa ingrassare, ma, intossica l’organismo e crea scompensi che, sovente, causano malattie.

Quando si fa un’alimentazione ricca di carboidrati, aumenta il livello di glucosio nel sangue. Il glucosio, a sua volta, provoca una maggiore secrezione di insulina, l’ormone responsabile dell’accumulo di grasso e anche della sensazione di fame.

Di rimando, un’alimentazione più ricca di proteine provoca la secrezione sia di glucagone, sia di altri ormoni che hanno la capacità di accelerare il metabolismo e, di conseguenza, far bruciare i grassi accumulati più velocemente.

Ecco perché la Dieta Molecolare si basa essenzialmente sulla giusta ripartizione dei principali nutrienti e non sul conteggio delle calorie. Tra l’altro, bilanciando il consumo giornaliero di carboidrati, grassi e proteine, si ottiene anche una benefica azione disintossicante per fegato e reni.

Versione vegetariana

Della Dieta Molecolare esiste anche una versione vegetariana. E’ stato lo stesso Pier Luigi Rossi a dettare le regole e a suggerire i piatti di questa variante.

Come abbiamo visto il metodo molecolare prevede cinque pasti al giorno. Carboidrati e proteine, nelle giuste dosi, non devono mancare nei pasti principali della giornata.

Il dottor Rossi ha preparato uno schema in cui riporta i piatti vegetariani da consumare in sostituzione dei piatti ricchi di carboidrati e, soprattutto, proteine di origine animale.

In pratica, La Dieta Molecolare vegetariana mantiene i principi di base e la ripartizione dei pasti prescritti dalla dieta classica, ma sostituisce tutti i piatti utilizzando solo alimenti di origine vegetale.

Carboidrati

Un vegetariano che vuole seguire la Dieta Molecolare può attingere i glucidi da: zuppe di farro, avena, riso e fagioli, di orzo, crema di verdure, di miglio e lenticchie, risotto, lasagne e cous cous con verdure e legumi, polenta, spaghetti al pomodoro, pasta e funghi, polenta, riso e legumi, gnocchi di patate e miglio con verdure.

Proteine

Per sostituire le proteine di carne, pesce, formaggio e uova, si possono mangiare: legumi cotti a piacere, ceci con patate, cacciucco di ceci, fagioli borlotti, insalate di legumi, spiedini di tofu, tofu con verdure, scaloppine di soia, bistecche di soia, polpette di soia, hamburger vegetali, ceci con farro, insalate di legumi.

Verdure

Anche le verdure per i vegetariani sono diverse da quelle della Dieta Molecolare normale. Un vegetariano che abbraccia questa dieta può mangiare: verza e patate, patate novelle, bietole e patate, caponata di melenzane, zucchine, carciofi e patate, cavolfiore, finocchi stufati, cipolle al forno, insalata di finocchio e di pomodori, zucca gialla.

Dolci

Rossi ha pensato anche ai dolci da inserire nella Dieta Molecolare vegetariana. Ovviamente, i dolci di seguito elencati andranno a sostituire quelli previsti dalla dieta normale per la colazione mattutina.

I vegetariani possono mangiare: biscotti di grano saraceno, castagnaccio, biscotti al cumino, crema di tofu, crema di prugne, dolci alla nocciola e ai semi di lino, mele al forno, pere all’aceto, strudel, marmellate di mele, pere e prugne fatte in casa, gelatine di frutta.

Condimento

Anche per i vegetariani il condimento è uno solo: olio extra vergine di oliva.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons