La dieta dissociata americana

La dieta dissociata americanaLa dieta dissociata americana più famosa è quella ideata nel 1911 dal dottor Howard Hay.

Questo particolare tipo di dieta, ribattezzata food combining o, molto più semplicemente, dieta Hay, riscosse da subito molto successo.

E ancora oggi la dieta dissociata è uno dei regimi alimentari più seguiti quando si vuole perdere qualche chilo di troppo. Ma come nasce e come funzione la dieta dissociata americana?

Dieta dissociata americana

Le origini

Il dottor Howard Hay non era un nutrizionista. Laureatosi a New York, Hay esercitava la sua normale attività di medico. Hay lavorò per sedici anni senza occuparsi particolarmente di alimentazione.

Che cosa accadde in seguito? Successe che Howard Hay, sfortunatamente, contrasse una forma generativa del tessuto renale, in breve gli fu diagnosticata quella che è conosciuta come la malattia di Bright.

Allora il medico capì che se voleva debellare la malattia, doveva cominciare dall’alimentazione. Comincio a sperimentare un nuovo tipo di dieta e in tre mesi riuscì, senza l’aiuto di farmaci, a migliorare nettamente il suo stato di salute.

Il risultato fu così sorprendente, che la comunità scientifica fu costretta a prenderne atto. E fu così che Hay, partendo dalla costatazione che l’abbinamento di nutrienti diversi può essere causa di seri danni all’organismo, ideò dieta dissociata americana.

Le regole base

Per il dottor Hay l’organismo può trarre molti benefici quando:

  • si limita molto il consumo di carne
  • si riduce notevolmente il consumo di farinacei e zuccheri raffinati
  • si evita una sovralimentazione
  • si acquista maggiore consapevolezza dei processi digestivi

Partendo da questi principi fondamentali, Hay ha dettato le cinque regole basi della dieta dissociata:

  • mai abbinare nello stesso pasto carboidrati, proteine e frutta
  • l’alimentazione deve basarsi essenzialmente su frutta e verdura cotta e cruda
  • limitare il consumo di proteine, grassi e amido
  • consumare cereali integrali e zucchero di canna
  • tra un pasto principale e l’altro deve esserci un intervallo di minimo quattro ore.

Come funziona

Hay inserisce nei principi fondamentali della sua dieta anche la conoscenza dei processi digestivi.

Una prescrizione che il medico non fa a caso, perché la sua dieta, oltre a far perdere peso e a garantire un benessere generalizzato, si pone l’obiettivo di educare a un’alimentazione più corretta e, perciò, meglio tollerato dal nostro organismo.

Perché no agli abbinamenti

La dieta dissociata americanaHay spiega che le proteine per essere digerite hanno bisogno di un ambiente acido. Infatti, l’assunzione di carne per esempio, stimola nello stomaco una maggiore produzione di acido cloridrico. Questo a sua volta, attiva la pepsina che è l’enzima deputato alla digestione delle proteine.

Di rimando, i carboidrati per essere digeriti necessitano di un ambiente alcalino. In realtà, la prima digestione dei glucidi comincia nella bocca per opera della ptialina, l’enzima che ha il compito di spezzare l’amido prima che questo raggiunga l’intestino in cui avviene la digestione vera e propria.

Quando si abbinano proteine e carboidrati, gli acidi dello stomaco sono in parte neutralizzati dalle sostanze alcaline prodotte dai carboidrati. Meno acido, significa minore quantità di pepsina.

Di conseguenza le proteine hanno difficoltà a essere completamente digerite.
In questo modo il processo digestivo risulterà incompleto e ci sarà un mancato assorbimento di tutti i nutrienti. Ma cosa ben peggiore, una digestione parziale delle proteine della carne, può generare pericolose fermentazioni e/o putrefazioni intestinali, cause principali del tumore dell’intestino.

La frutta

La frutta fra le sue proprietà annovera anche quella di essere molto digeribile. Ciò significa che sosta poco nell’intestino. Ma se si mangia frutta a fine pasto, dopo aver assunto carboidrati e proteine, la costringiamo a rimanere nello stomaco almeno tre ore. Questa lunga permanenza provoca la fermentazione della frutta che perde i suoi valori nutrizionali e impedisce anche l’assimilazione degli elementi nutritivi degli altri alimenti.

L’intestino pulito

In conclusione la dieta dissociata americana del dottor Howard Hay parte da un assunto fondamentale: se vogliamo rimanere in buona salute, dobbiamo avere cura che il nostro intestino rimanga sempre pulito.

Per mantenere l’intestino pulito, bisogna evitare processi digestivi lenti e incompleti. Il cibo digerito a metà lascia materiali di scarto che creano processi di putrefazione che finiscono per immettere in tutto l’organismo sostanze tossiche.

In questo modo si rischia di avvelenare sistema nervoso e cervello e si crea un terreno fertile in cui possono attecchire facilmente patologie come mal di testa, demenza senile, dolori e gonfiori intestinali, perdita di memoria e persino bruxismo, spossatezza, irritabilità e depressione.

Alimenti consigliati dalla dieta

Gli alimenti consigliati dalla dieta dissociata americana sono gli stessi che si trovano nell’alimentazione Mediterranea ma combinati in modo diverso. Gli alimenti consigliati sono pesce, carne e latticini magri, frutta e verdura.

Tabella delle associazioni

Come abbiamo visto gli alimenti si distinguono anche per l’ambiente in cui sono digeriti. Gli alimenti a digestione basica non possono essere abbinati a quelli a digestione acida. Eccovi una tabella indicativa degli alimenti divisi per tipo di digestione:

  • digestione basica: pasta, riso, pane, cavolo, patate, legumi secchi, banane, dolci, cioccolato, noci, castagna, nocciole e marmellate.
  • digestione neutra: burro, panna, margarina, olio, formaggi grassi, carote, avocado, insalata, pomodori, spinaci, fagiolini, zucchine, melenzane e piselli freschi.
  • digestione acida: pesce, carne, insaccati e salumi in generale, formaggi magri, pomodori cotti, yogurt, uova, prugne, mele, pesche, albicocche, uva, arance, ananas, fragole, pere e pompelmi.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons