Melone: si può mangiare a dieta?

Melone si può mangiare a dietaDissetante, rinfrescante, disintossicante, il melone in tutte le sue varietà è il principe dei frutti estivi. Lo troviamo sul mercato da giugno ad agosto e, dopo l’anguria, è di sicuro il frutto più consumato della stagione calda.

Il melone si può mangiare anche quando si sta a dieta. Scopriamo insieme perché.

Il melone

Il melone appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae e la sua pianta si chiama Cucumis melo.

Esistono diverse varietà di melone, ma nei nostri mercati troviamo soprattutto il melone giallo con la buccia liscia e la polpa bianca, è il melone marroncino chiaro all’esterno e la polpa arancione meglio conosciuto con il nome di Cantalupo.

Proprietà

Le proprietà e i benefici di qualsiasi varietà di melone si equivalgono. Tutti hanno una percentuale d’acqua pari a circa 85% e un potere calorico molto basso: circa trenta calorie ogni 100 grammi di prodotto.

Sono ricchi di vitamine e sali minerali. In particolare in 100 grammi di melone si trovano 267 milligrammi di potassio, 15 di fosforo, circa 37 grammi di vitamina C e ben 2020 microgrammi di beta-carotene.

Benefici

Il melone ha capacità diuretiche, rinfrescanti e lassative. Molti studi affermano che il consumo di melone aiuta a combattere stress e disturbi dell’umore.

Questo dolce frutto è ricco di sostanze antiossidanti e la presenza di vitamina A, oltre a favorire la rigenerazione dei tessuti, concorre a mantenere sani gli occhi e a migliorare la vista notturna. Il melone, inoltre è molto consigliato nei casi di gotta, iperuricemia, reumatismi e persino emorroidi.

Tra l’altro, per un’abbronzatura al top basta prendere la sana abitudine di bere un centrifugato di melone e carote il giorno, perché essendo entrambi ricchi di beta-carotene, questi alimenti stimolano la produzione di melanina.

Melone e dieta

Melone si può mangiare a dietaIl melone è consigliato nelle diete ipocaloriche perché oltre a contenere poche calorie, accelera il metabolismo stimolando l’organismo a bruciare i grassi più in fretta.

E poi essendo il melone anche un ottimo diuretico, aiuta il corpo a liberarsi delle tossine e riduce il gonfiore di pancia e addome.

Quando si fa una dieta, il melone può essere consumato in qualsiasi momento della giornata. Questo frutto, infatti, va bene a colazione, è ottimo sia come spuntino di metà mattina, sia come merenda.

Ma il melone mangiato, per esempio, con il prosciutto, può tranquillamente sostituire un pasto. Mentre una fresca cena estiva, potrebbe contenere una pietanza unica: una bella insalatona mista preparata con verdure fresche e pezzi di melone.

Qualche giorno di dieta a base di melone abbinato a qualche cibo proteico e pochi carboidrati, può disintossicare l’organismo e far perdere un po’ di peso in vista della prova costume. Ovviamente, non dimenticate mai di associare a qualsiasi regime dietetico anche un po’ di attività fisica per aiutare il fisico a eliminare più in fretta il grasso in eccesso.

Articoli che ci piacciono:

loading...

1 Commento

  1. ho il melone nella mia dieta consigliata dal mio dietologo, volevo sostituirlo con un altro alimento ma leggendo tutte le qualità che comporta farò di tutto per mangiarlo. grazie per il consiglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons