Latte scremato: i vantaggi per chi è a dieta

Latte scremato i vantaggi per chi è a dietaIl latte è un alimento nutriente che può essere inserito anche in un piano alimentare per perdere i chili di troppo.

In una dieta è meglio il latte scremato, il parzialmente scremato o quello intero? Di primo acchito verrebbe da rispondere il latte scremato. Ma le cose stanno davvero così?

Cerchiamo di scoprire insieme se per chi segue una dieta dimagrante, ci sono davvero vantaggi nel consumare latte scremato.

Il latte scremato

Come tutti gli alimenti anche il latte scremato ha sostenitori e detrattori. Ma per un giudizio razionale, e soprattutto non fuorviante, quando si tratta della nostra alimentazione, è sempre bene partire da informazioni corrette e dati oggettivi.

Prima di parlare del latte scremato, corre l’obbligo di chiarire che qui ci si riferisce al prodotto di origine animale ottenuto dalla mungitura delle vacche. Esistono diversi altri tipi di latte in commercio, ma per comodità noi parleremo del più comune che è appunto il latte vaccino.

Che cos’è il latte scremato?

La vigente normativa assegna l’etichetta scremato al latte che contiene meno dello 0,3 di grassi per cento grammi di prodotto.

A tale risultato si arriva attraverso un processo di scrematura che si esegue per centrifugazione a circa settemila giri/minuto. Questo processo, però, oltre alla frazione lipidica fa perdere al latte anche molte vitamine e nutrienti essenziali.

Valori nutrizionali

Una tazza di latte scremato di 250 millilitri contiene circa ottanta calorie, dodici grammi di carboidrati, otto di proteine e solo 0,8 di grassi. Con una tazza di latte scremato garantiamo al nostro organismo il 29 per cento della dose di calcio giornaliera raccomandata e il 20 per cento di quella di vitamina B12.

I vantaggi

Il latte scremato, come si può vedere, è quasi privo di grassi e il suo apporto calorico, rispetto al latte intero, è quasi dimezzato. Insieme alla capacità di essere molto digeribile, questi sono sicuramente i vantaggi principali che il latte scremato offre a chi segue una dieta dimagrante.

Gli svantaggi

Alcuni studi recenti eseguiti da Mark DeBoer, endocrinologo pediatrico dell’Università della Virginia hanno dimostrato che il consumo di latte scremato provoca un aumento di peso sia nei bambini, sia negli adulti. In particolare i ricercatori hanno osservato che i bambini che consumano l’1% di latte scremato ingrassano di più rispetto a quelli che bevono il 2% di latte intero.

Questo fenomeno pare sia legato proprio ai grassi contenuti nel latte intero che, aumentando il senso di sazietà, permettono di ingerire meno cibo e di perdere peso più facilmente. Perciò se è vero che con il latte scremato si riduce l’apporto calorico, è vero anche che si introducono meno nutrienti essenziali e ciò fa aumentare il senso di fame che, come noto, è il peggior nemico di chi vuole perdere peso.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons