Il Pesce fritto nella dieta Dukan

Pesce fritto nella dieta DukanIl pesce nella dieta Dukan è tra gli alimenti principali.

Consigliato soprattutto nella prima fase del regime alimentare, il nutrizionista Pierre Dukan predilige questo alimento poiché è ricco di grassi omega 3 e di potassio.

Ma la dieta Dukan permette anche il pesce fritto?

Il pesce nella dieta Dukan

La dieta Dukan ha molto successo perché non costringe a grosse rinunce alimentari.

Il metodo del nutrizionista francese, è caratterizzato da quattro fasi: attacco, crociera, consolidamento e stabilizzazione.

Il pesce entra nell’attacco, la fase in cui è permesso mangiare senza limiti solo alimenti ricchi di proteine. Nello specifico il pesce fa parte della terza categoria di alimenti permessi in questa prima fase.

Nella Dukan è consentito mangiare qualsiasi tipo di pesce: dal bianco all’azzurro, dai freschi ai surgelati, dai grassi ai magri, dal pesce sottolio o conservato al naturale a quello affumicato.

Via libera dunque a sgombri, sardine, tonni, salmoni, sogliola, merluzzo, nasello, triglia, branzino, anguilla aringa, e chi più ne ha più ne metta.

Fra gli altri prodotti del mare permessi dalla dieta Dukan troviamo anche molluschi e crostacei.

Dieta Dukan e pesce fritto

Ma come deve essere cucinato il pesce nella dieta Dukan? L’ideatore del regime alimentare non ha dubbio alcuno: al forno, in brodo ristretto, al cartoccio, al vapore o alla griglia.

Inoltre, il pesce deve essere cucinato rigorosamente senza grassi, al massimo si può condire con succo di limone e insaporire con erbe aromatiche.

Perciò il pesce fritto nella dieta Dukan non è contemplato per nulla, così come non lo è in tutti le altre diete iperproteiche.

Il pesce fritto e la salute

Senza demonizzare il pesce fritto che, tra l’altro, è gustosissimo, è necessario fare una doverosa precisazione: il pesce conserva tutte le sue proprietà benefiche solo se cucinato in modo sano.

Se cotti a temperature elevate, come quelle richieste dalla frittura i pesci perdono gran parte dei loro nutrienti essenziali soprattutto gli omega 3. Con la frittura, dunque, si rischia di mandare in fumo il motivo per cui i prodotti del mare sono preziosi per la salute dell’uomo.

Per questa e per altri ragioni, la frittura è considerato un metodo di cottura poco salutare.

Per correttezza di informazione, però, bisogna anche riferire che alcuni studi americani hanno dimostrato che consumare una volta a settimana pesce fritto, o comunque di cibi fritti, non arreca danni all’organismo.

Sembra, infatti, che inserire un fritto settimanale nella dieta, sia addirittura salutare. I fautori di questa tesi affermano che nei soggetti sani, non affetti da patologie epatiche, una frittura ogni tanto sia capace di accelerare il metabolismo e stimolare il fegato.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons