Pochi grassi? Non sempre sono un bene per il cuore

zucchero potenzialmente esplosivo per il cuoreI paradigmi ai quali le diete degli ultimi anni si sono conformati vanno rivisti.

E’ questo il preoccupato allarme che arriva dagli specialisti, che dopo aver accettato, in realtà abbastanza supinamente, per anni i diktat anti grassi, sono finalmente disposti a rivedere il mantra dello stare bene, quel mantra che vedeva i grassi come il più grande spauracchio per i soggetti a rischio di patologie cardio-circolatorie.

Non sarebbero i grassi ad essere i maggiori responsabili dei problemi al cuore, problemi che colpiscono fette sempre più ampie della popolazione, ma una dieta priva dei cibi integrali necessari per il funzionamento corretto del nostro cuore e del nostro corpo.

La dieta mediterranea? Una marcia in più per il cuore

A fare la differenze, e ad essere il grande vantaggio per gli italiani, è la dieta mediterranea, una dieta che include anche grassi (di quelli buoni però, principalmente frutta secca e olio d’oliva) e che non disdegna l’apporto di cibi integrali, che spesso in una dieta mediterranea come si deve vanno a sostituire proprio i terribili zuccheri raffinati.

Terribili, sì. Perché sarebbero loro, almeno secondo le scoperte più recenti, ad essere responsabili dei problemi al cuore, così come stabilito dalle più recenti ricerche, che pongono proprio lo zucchero come principale nemico di chi vuole vivere bene e a lungo.

E allora? Che fare per il nostro cuore?

Tornare alla tradizione, e ai cibi che i nostri nonni preparavano fino a qualche anno fa. Tanto pesce, poca carne, pochi zuccheri, con l’aiuto però indispensabile dell’olio e della frutta secca.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons