Miele e dieta: quanto possiamo consumarne?

Miele e dieta quanto possiamo consumarneChe il miele abbia molteplici virtù è cosa nota a tutti. Che aiuti anche a perdere peso per molti, invece, può essere una sorpresa.

Ma quanto miele si può consumare al giorno per godere dei suoi benefici effetti?

Il miele per dimagrire

Il Daily Mail qualche giorno fa ha pubblicato una notizia che ben presto ha fatto il giro del web: entra di diritto nei regimi alimentari dietetici anche la dieta del miele.

Ovviamente i fan del nettare prodotto alle amiche api hanno fatto salti di gioia. Il nutrizionista Mike McInnes, inventore di questa dolce dieta, promette che seguendo le sue indicazioni, si possono perdere addirittura 1,3 chili a settimana.

In che modo? Bevendo mattina e sera una sorta di elisir preparato con acqua calda, miele e limone.

In particolare, si consiglia di consumare due cucchiaini di miele prima di andare a letto perché in questo aiuterebbe il nostro corpo ad attivare gli ormoni e a bruciare i grassi in eccesso.

Inoltre, modificando le abitudini del nostro metabolismo, il miele ridurrebbe la voglia di alimenti zuccherati e ipercalorici consentendo anche di seguire più facilmente la dieta anche dal punto di vista psicologico.

La dieta del miele

Il principio su cui si basa questa dieta è la sostituzione degli zuccheri raffinati con il miele.

E fin qui nulla di nuovo: sappiamo già da qualche tempo che diminuire gli zuccheri nel sangue è salutare e aiuta a ritrovare il peso forma.

Ma non esiste una dieta che faccia perdere peso con assumendo solo qualche alimento, anche se questo si chiama miele e ha tante proprietà benefiche.

Infatti, la dieta del miele, oltre alla benefica bevanda a base di miele, prevede il consumo di tanta verdura, pochissimi carboidrati rigorosamente non raffinati, e una giornata la settimana senza carboidrati.

Ovviamente la dieta del miele abolisce completamente dolci, cioccolato e bibite gassate.

La dose giornaliera di miele

Il miele è un dolcificante migliore del saccarosio perché non contiene saccarosio ma fruttosio, uno zucchero che l’organismo può assimilare più facilmente e utilizzare più a lungo.

Per questa sua caratteristica, il miele contribuisce a mantenere la glicemia a livelli più stabili. Ovviamente non bisogna mai eccedere nelle dosi.

Non dimentichiamo che, nonostante sia meno calorico dello zucchero, 100 grammi di miele contengono sempre 300 calorie.

La dose quotidiana di miele consigliata non deve mai superare i 30 grammi pari a tre cucchiai. Ovviamente per ottenere benefici il suo consumo dev’essere costante e le dosi rapportate all’età e all’apporto calorico della propria dieta.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons