Se lo zucchero uccide…

zuccheroLe quantità di zucchero contenute anche in cibi insospettabili sono troppo alte.

È questa la denuncia partita da un gruppo davvero speciale composto da esperti è da specialisti americani e inglesi: lo zucchero nelle nostre diete sarebbe decisamente troppo e si candiderebbe a diventare il tabacco del secolo corrente.

Sì, avete capito bene, il tabacco: parliamo della sostanza che più ho ucciso nel secolo che ci lasciamo alle spalle perché potrebbe lasciare il suo triste primato, per il secolo in cui stiamo vivendo, allo zucchero.

La richiesta che il gruppo, chiamato Action for Sugar, è piuttosto forte. Si chiede infatti alle aziende che producono cibo di ridurre volontariamente fino al 30% del contenuto in zucchero, per aiutare la società moderna, che sempre di più si ingozza di cibo pronto trovato al supermercato e di bibite gassate, a superare il forte impatto di queste quantità di zucchero.

Quantità di zucchero in grado di uccidere, come abbiamo già letto. Quantità di zucchero che colpiscono non solo gli adulti, che comunque hanno la possibilità di effettuare una scelta conscia, ma anche i bambini. Per questo lo zucchero è stato ribattezzato dal gruppo l’alcol dei piccoli: sarebbe in grado non solo di fare gli stessi danni della pericolosa sostanza, ma anche di creare lo stesso tipo di dipendenza.

Nel caso in cui le società e le aziende che producono cibo accettassero la riduzione proposta dei medici, si riuscirebbe a risparmiare anche 100 cal al giorno, per un computo che potrebbe arrivare addirittura a -5 chili l’anno, una quantità di adipe in meno in grado di dare un grosso aiuto nella lotta all’obesità.

Noi intanto organizziamoci per conto nostro: via dalle nostre dispense merendine, bibite gassate e anche gli insospettabili cereali. Sono cibi stracarichi di zucchero e che andrebbero eliminati seduta stante.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons