Bambini: come distruggere una generazione sul nascere

bambini obesiLo scontro generazionale tiene sempre testa in Italia, ma oggi non vi parleremo di possibilità di lavoro e di carriera. Oggi raccogliamo l’allarme che arriva dagli USA, a corredare delle feste natalizie dove, come durante il resto dell’anno, abbiamo avvelenato i nostri bambini con alimenti che non dovremmo dare da mangiare neanche al nostro peggior nemico.

L’ultima statistica che arriva dagli USA ci consegna un quadro estremamente preoccupante sulle abitudini alimentari dei bambini occidentali, ormai completamente surclassati dalla pigrizia dei genitori, dagli interessi di un’industria che ha poco interesse a fornire alimenti degni di questo nome e da abitudini che si passano di generazione in generazione.

Una generazione sempre più schizzinosa per quanto riguarda il cibo, ormai non più in grado di consumare cibi salutari e completamente assuefatta a drink zuccherati, junk food, preparati in busta e merendine.

Cresce la scolarizzazione, ma non quella alimentare

Se il quadro, per quanto riguarda l’istruzione, è piuttosto buono, lo stesso non si può dire per la scolarizzazione alimentare. Sono ancora timidi i tentativi dei governi di introdurre nelle mense scolastiche cibo di qualità, con ovvie ripercussioni sui gusti e sulla salute dei bambini.

Oltre il 70% dei bambini nostrani consuma merendine e cibo confezionato almeno una volta al giorno, con conseguenze irreparabili non solo sulla salute sul breve periodo, ma anche sulle abitudini alimentari che, sviluppatesi durante questi anni, saranno praticamente impossibili da abbandonare una volta diventati adulti.

Bambini incapaci di riconoscere quello che fa bene e quello che fa male, in cerca di alimenti sempre più zuccherati o sempre più salati, in un circolo vizioso che in genere si viene ad interrompere, e non c’è alcun allarmismo nel sottolinearlo, solo con la contrazione di patologie legate ad una dieta sbagliata.

Ripartire dal Mediterraneo per salvare i bambini

La ricetta c’è, e per noi che viviamo in Italia è anche semplice. Basterebbe ripartire dalle tradizioni, con cibo semplice e genuino, mettendo al primo posto alimenti freschi e facili da cucinare.

Pesce, formaggi freschi, pane senza conservanti e cibo preparato in casa e non pronto in un blister. Ha un nome, si chiama Dieta Mediterranea, e se hanno cominciato ad apprezzarla anche all’estero, non ci sono motivi per ignorarne la bonta in Italia, dove questa dieta è nata 2000 anni fa, e ha continuato a modificarsi raggiungendo vette di estrema qualità.

Fate un regalo ai vostri bimbi. Liberate la vostra credenza da merendine e preparati, e ripartite con una sana fetta di pane e marmellata. Apprezzeranno le papille, il corpo e le loro abitudini alimentari.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons