Coca Cola Zero: si può consumare durante la dieta?

Coca Cola Zero: si può consumare durante la dieta?La Coca Cola Zero arriva sul mercato dopo la Coca Cola Light. Entrambe hanno poche calorie e sono la versione senza zuccheri della bibita americana più consumata al mondo.

Ma che cosa contengono? E davvero queste varianti light aiutano davvero a non ingrassare?

Coca Cola Zero e Light

Fra le tipologie di Coca Cola Zero e Light non esistono sostanziali differenze nel contenuto.

Pensate per due precise fasce di mercato, cambiano per il colore delle confezioni: nera la Zero dedicata agli uomini, grigia argento la Light rivolta alle donne.

Gli ingredienti delle Coca Cola light

Come si legge sulla sua lattina, la Coca Cola Zero contiene acqua, anidride carbonica, ciclamato sodico, colorante E 150d, edulcoranti, acidificante acido fosforico, aromi artificiali, caffeina, correttore di acidità citrato trisodico.

Oltre a tutti questi ingredienti contiene anche una fonte di fenilalanina, acesulfame K e aspartame.

Se è vero, dunque, che questa bevanda è priva di zuccheri, è pur vero che esattamente come la Coca Cola tradizionale, contiene una serie di sostanze che non sono molto salutari per l’organismo. Una di queste è proprio l’aspartame.

L’aspartame

Nelle versioni senza zuccheri della Coca Cola è usato come dolcificante l’aspartame, sostanza che ha tra le sue caratteristiche quella di decomporsi liberando fenilalanina un aminoacido potenzialmente cancerogeno.

Che questa reazione all’interno dell’organismo umano avvenga sul serio è indicato anche sulle confezioni.

Ciò che è abilmente sottaciuto, invece, è che nei soggetti affetti da fenilchetonuria, il rilascio di fenilalanina può determinare problemi neurologici.

Che sia light o meno, dunque, l’assunzione di Coca Cola dovrebbe essere rigorosamente proibita ai bambini che soffrono di fenilchetonuria, nonché alle donne incinte.

Inoltre la comunità scientifica afferma che la miscela di acido fosforico e di aspartame può causare effetti molto dannosi sul sistema nervoso.

Come se ciò non bastasse, la Coca Cola contiene anche acido fosforico in dosi di 325 mg/litro, una quantità che rende la bevanda molto acida: il suo PH è a metà strada tra quello dell’acido gastrico e quello dell’aceto.

Coca Cola Zero nella dieta

Rispetto alla Coca Cola normale è indubbio che le versioni light contengano meno calorie. Ma basta questo per dire che queste bevande non fanno ingrassare? No, non basta. Anche le versioni light sono bevande gassate.

L’anidride carbonica addizionata in tutte le bibite, dilata lo stomaco e aumenta la sensazione di fame spingendo a un maggior consumo di cibo.

Per questo motivo durante la dieta è bene evitare il consumo anche della Coca Cola Zero.

Consiglio

Considerata la poca salubrità degli ingredienti, sarebbe opportuno evitare il consumo di Coca Cola anche nelle versioni light. Se proprio non si riesce a farne a meno, si consiglia di limitarne il consumo a un bicchiere al giorno.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons