Dieta nordica: che grassi si consumano?

Dieta nordica: i grassiLa dieta nordica è molto ricca di grassi omega 3, omega 6 e grassi monoinsaturi molto salutari.

Sono presenti anche grassi saturi ma in piccole quantità.

Vediamo insieme quali sono le fonti principali di lipidi per questa dieta, ormai sulla bocca di tutti e che potrebbe fare breccia anche nel nostro paese.

I grassi nella dieta nordica

I grassi si distinguono in saturi insaturi.

I primi hanno origine animale, i grassi insaturi, invece, sono contenuti soprattutto nei prodotti di origine vegetale come olio di oliva, di soia, di girasole, di colza, ecc.

A prescindere dalla loro provenienza, tutti questi hanno funzione di riserva energetica.

I grassi saturi

I grassi saturi nella dieta nordica sono davvero pochi. Questo regime alimentare li abolisce quasi del tutto.

Gli alimenti che non entrano nella dieta sono carni grasse, burro, margarine e altri grassi idrogenati, latte intero, panna, formaggi grassi, frattaglie e cibi ad alto indice glicemico.

I grassi insaturi e i polinsaturi

La dieta nordica sostituisce i grassi saturi con gli insaturi, in particolare con i grassi monoinsaturi e polinsaturi.

Questa scelta si accompagna a una riduzione dei valori di colesterolo nel sangue e alla prevenzione delle malattie cardiovascolari.

In questo regime alimentare abbondano i cibi ricchi di grassi omega 3 e omega 6. Si tratta di acidi grassi polinsaturi fondamentali per il nostro benessere.

Queste sostanze aiutano a mantenere il peso forma, a prevenire problemi cardiaci, la demenza, l’Alzheimer e altri disturbi legati alla degenerazione cellulare.

I grassi insaturi, inoltre sono nutrienti essenziali anche per combattere e prevenire il diabete di tipo 2, ma anche le unghie fragili, i capelli secchi, e problemi vari legati alla pelle e i dolori articolari.

La dieta viking attinge i grassi omega 3 in primis dal pesce, soprattutto da salmone, sgombri, aringhe, crostacei e altri frutti di mare.

Questi  grassi benefici si trovano anche nella verdura a foglia verde, nei cavolini di Bruxelles, nei cavoli, negli spinaci e in tutte le insalate verdi.

Tutti alimenti questi che entrano nel regime dietetico nordico, così come ne fanno parte noci e frutta secca in generale, segale, soia, olio di colza e semi di lino.

I crostacei

Quando si parla di cibi salutari, si tiene sempre conto del rapporto tra contenuto in colesterolo e acidi grassi saturi.

La dieta nordica prevede, per esempio, anche il consumo di crostacei che sono ricchi di colesterolo. Questi prodotti del mare potrebbero sembrare non adatti a una dieta nata anche per contrastare il colesterolo.

In realtà i crostacei possono entrare in qualsiasi dieta perché il loro contenuto di acidi grassi saturi ipercolesterolemizzanti è molto basso.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons