Dieta Nordica: i carboidrati

Dieta Nordica: i carboidratiIl piano base della dieta nordica riduce il consumo di carboidrati semplici come il saccarosio e introduce una maggiore quantità di carboidrati complessi provenienti da cereali, frutta e verdura.

Ecco i carboidrati presenti nella dieta viking.

I carboidrati complessi

La dieta nordica come quella mediterranea è un regime alimentare molto semplice ed equilibrato. Ovviamente le due diete variano per i cibi che si portano a tavola.

Mentre la nostra, per esempio, attinge da pane e pasta di farina bianca i suoi carboidrati semplici, la dieta nordica li preleva da cereali integrali come segale, farro, avena e orzo.

Altre fonti di carboidrati complessi che usa la dieta viking sono le radici come patate, carote e rape, e alcune verdure come cavoli e cavoletti di Bruxelles.

I carboidrati complessi sono chiamati così per la loro composizione chimica leggermente più articolata rispetto a quella dei carboidrati cosiddetti semplici.

Proprio per questa loro maggiore complessità strutturale i carboidrati complessi hanno bisogno di un percorso digestivo più articolato per cui sono assorbiti più lentamente dall’organismo.

Si distinguono in due categorie: amidi e fibre alimentari. Gli amidi devono essere modificati con la digestione prima che l’organismo riesca a utilizzarli come fonte di glucosio.

Le fibre alimentari si trovano principalmente nelle verdure, nella frutta e negli alimenti a base di cereali integrali.

Da qui scaturisce la scelta di sostituire nella dieta nordica con il pane di segale quello di farina bianca.

I carboidrati semplici

I carboidrati semplici sono costituiti da molecole di zuccheri e la loro assunzione avviene anche attraverso la frutta e alcune verdure di cui la dieta nordica è ricca.

Appartengono a questa categoria tutti gli zuccheri naturali e artificiali, dal saccarosio al fruttosio derivante dalla frutta, dal destrosio o il glucosio del grano al cioccolato, al miele, alla marmellata.

Sono tutti composti dal sapore dolce, di facile digestione e generalmente di rapido assorbimento. Essendo facilmente trasformati in glucosio forniscono energia in breve tempo e aumentano il livello sia della glicemia sia dell’insulina.

Frutta e verdura sebbene appartengano alla categoria dei carboidrati semplici, non provocano gli stessi effetti negativi degli altri zuccheri.

Nella frutta e nella verdura, infatti, la presenza di fibre alimentari cambia totalmente il modo in cui l’organismo metabolizza i loro zuccheri rallentandone la digestione.

Questo processo rende questi alimenti simili ai carboidrati complessi contenuti nei cereali. Come questi ultimi anche frutta e verdura hanno un alto indice di sazietà, poche calorie e un basso indice glicemico.

Ecco perché frutta e verdura entrano di diritto in tutte le diete, inclusa quella nordica.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons