Una dieta per chi gioca a pallavolo: alimenti e divisione dei pasti

La dieta per chi fa pallavoloChi fa pallavolo deve seguire una dieta capace di soddisfare i bisogni energetici richiesti dal fisico in ogni fase dell’attività sportiva.

Le prestazioni non si migliorano solo in palestra o durante l’allenamento, ma anche a tavola.

Vediamo insieme cosa mangiare per diventare dei giocatori migliori.

Regole base del pallavolista

I pasti devono essere consumati molto lentamente per favorire sia la digestione, sia l’assimilazione del cibo.

Si deve mangiare poco e spesso e bere tanto soprattutto lontano dai pasti.

Infine, anche un pallavolista segue una regola che riguarda tutti gli sportivi: elimina gli alcolici, le sostanze eccitanti come tè o caffè e, soprattutto, le sigarette.

La dieta per chi fa pallavolo

Chi fa pallavolo durante una gara spende gran parte delle energie in attività anaerobiche, che avvengono cioè in assenza di ossigeno.

Servizio, muro, ricezione e difesa sono azioni durante le quali i muscoli non consumano ossigeno. In questo caso l’energia sfruttata dall’organismo è quella derivante dal glucosio.

Questo è il motivo principale per cui l’alimentazione di chi fa pallavolo deve essere ricca di carboidrati che si trasformano in glucosio, e di proteine essenziali.

Inoltre, giacché la pallavolo ha ritmi molto serrati, nella dieta non può mancare la giusta quantità di grassi saturi  contenuti in noccioline e frutta secca, soia, avocado e insalate condite con olio vegetale.

Alimentazione prima della gara

Un pasto fondamentale del pallavolista è la colazione. Una dieta corretta prevede una spremuta d’arancia ricca di minerali e antiossidanti accompagnata da un panino integrale con marmellata.

Una valida alternativa potrebbe essere una fetta di crostata o di torta di mele. Questa colazione  tipo dovrebbe fornire all’organismo la dose ideale di fibre, amidi e zuccheri semplici per garantire la quantità giusta di energia all’intera mattinata.

Prima di una partita o dell’allenamento, un pallavolista deve consumare cibi ricchi di carboidrati e proteine ma poveri di grassi.

Per l’apporto di carboidrati saranno privilegiati cibi come pasta, pane e riso integrali.  Per le fonti proteiche, invece, si useranno carni bianche, pesce, formaggi magri, latticini e albumi.

Un pasto di ottocento calorie va consumato quattro ore prima della gara, mentre uno da seicento tre ore prima.

Alimentazione dopo la gara

Alla fine del match per un pallavolista diventa indispensabile reintegrare le scorte energetiche e i sali minerali. Deve bere molti liquidi e consumare carboidrati altamente digeribili.

L’ideale è un piatto di pasta. Ma vanno bene anche mele o banane. Infatti, essendo questi frutti pieni di potassio, aiutano a ripristinare l’equilibrio idrosalino e ristabiliscono la contrazione muscolare.

Menù tipo nel post-gara: succo di frutta, antipasto di verdure crude a piacere, un piatto di pasta scondita, formaggio con contorno di verdure cotte. I più golosi possono finire il pasto con un gelato alla frutta.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons