Integratori e supplementi sotto attacco: causano danni gravi al fegato

erbe supplementiArriva dall’America un altro duro colpo all’industria degli integratori e dei supplementi per la dieta. Dopo aver sbugiardato il contenuto di tante pillole prodigiose a base di erbe, questa volta i ricercatori attacco sugli effetti dei supplementi.

Secondo quanto pubblicato durante il meeting annuale dell’American Association for the Study of Liver Disease, molti dei supplementi in commercio sarebbero addirittura responsabili per alcune forme di cancro al fegato. 

La ricerca è basata indagini che i medici dell’associazione hanno svolto durante gli ultimi anni e presenta un quadro particolarmente grigio, sopratutto per chi, come i body builders, fa degli integratori una sorta di abitudine quotidiana.

Un problema molto diffuso, anche perché ormai integratori e supplementi vengono assunti praticamente per tutto, dalla cura del raffreddore allo sviluppo della massa muscolare.

Il problema dei supplementi e integratori a base di erbe

A base di erbe è forse la locuzione più pericolosa dell’intera industria degli integratori. Il meccanismo mentale lo conosciamo un po’ tutti: sono erbe, sono naturali, quindi non possono fare male. 

Niente di più sbagliato. Anche i prodotti da banco, che spesso vengono venduti liberamente fino a quando i primi casi di danni all’organismo impongono alle autorità sanitarie di ritirarli, dovrebbero essere assunti sotto stretto controllo medico.

Il fai da te, che anche nel nostro paese vanta centinaia di migliaia di hobbisti, è quanto di più sbagliato si possa fare. Il pericolo è quello di danneggiare il proprio corpo, e in questo caso il proprio fegato, oltre la soglia che permetterebbe un recupero. 

I tre casi sotto analisi

Gli integratori che hanno fatto lanciare l’allarme sono tre, sono sono per il momento in commercio nel nostro paese, ma sono molto simili ad altri prodotti che potreste acquistare in ogni rivendita di integratori e polverine.

SlimQuick

Si tratta di un integratore concepito per aiutare la perdita di peso. Contiene estratti concentrati di tè verde, niente di più naturale.

Il problema portato all’attenzione dall’associazione riguarda una signora 52enne che, dopo tre settimane di dieta particolarmente restrittiva, ha assunto per un paio di giorni SlimQuick. Il fegato ha ceduto, ed la signora è stata messa in lista per un trapianto.

C’erano casi pregressi di tossicità di questo integratore, che tuttavia non hanno ancora permesso alle autorità di ritirarlo dal mercato.

Cimicifuga

E’ una pianta sempre più presente in integratori e supplementi a base di erbe. Il caso portato all’attenzione dell’Associazione è stato quello di una signora 44enne, senza alcun pregresso abuso di alcol. Dopo aver consumato per un mese integratori a base di cimicifuga ha contratto la cirrosi epatica ed è stata messa in lista per un trapianto di fegato.

Anche qui Madre Natura, quella di cui vi fidate un po’ troppo ad occhi chiusi, ha colpito duro.

Rockstar Energy Drink

Un energy drink tra i più popolari, che afferma di contenere solo estratti naturalissimi, e che è stato sempre considerato un prodotto piuttosto sicuro.

Il paziente in questione ne ha assunta una lattina al giorno per un mese, per ritrovarsi con un‘epatite senza che il suo stile di vita ne fosse in alcun modo potenzialmente responsabile.

La lezione: naturale non vuol dire benefico

Madre Natura ci fornisce tantissimi prodotti che fanno bene alla salute, e non potrebbe essere altrimenti. Questo non vuol dire però che ogni tipo di prodotto naturale sia effettivamente benefico per il nostro organismo.

I casi che vi abbiamo raccontato in questo articolo sono forse un po’ estremi e non molto comuni, ma perché correre il rischio di essere quell’uno su un milione che avete letto nelle storie qui sopra?

Qualunque cosa prendiate, fatelo sotto stretto controllo medico, anche se trovate il prodotto sul banco della farmacia.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons