Nestlé pronta a uscire del mondo dei cibi dietetici

jenny craigUn mondo delle diete in crisi, quello dipinto dal Wall Street Journal. Un mondo delle diete che, complici App per iPhone, non riesce più a fatturare quanto fatturava solo qualche anno fa.

Casse vuote, debitori alle porte e crisi aperta. Weight Watchers potrebbe chiudere tra non molto, HerbaLife con grossi problemi di liquidità  e Jenny Craig che potrebbe essere venduta da Nestlé, gigante del settore alimentare che potrebbe avrebbe deciso di defilarsi dopo averci provato e non esserci riuscito.

Il colosso svizzero continuerà a puntare  soltanto su cereali light e barrette dietetiche. Nel futuro dell’azienda non sembrano esserci piani per continuare a produrre i prodotti a marchio Jenny Craig, un colosso negli States e meno famoso dalle parti nostre.

Sembra finita la luna di miele tra settore alimentare e settore delle diete, una luna di miele che si chiuderà tra pochi mesi a cessione compiuta, senza che Nestlé sia riuscita ad invertire un trend che dura ormai da troppi anni.

La crisi delle diete a marchio

In crisi ci sono un po’ tutti. HerbaLife se la passa decisamente male, e anche Weight Watchers, marchio onnipresente   anche nel nostro paese, potrebbe passare di mano, a patto che si trovi qualcuno in grado di farsi carico di tanti debiti messi a bilancio dal colosso dei prodotti dietetici.

Per Jenny Craig discorso identico, dato che stando a quanto riporta Wall Street Journal, Nestlè sarebbe pronta a cederla a meno, molto meno, dei 600 milioni spesi qualche anno fa per acquisire il marchio Jenny Craig.

Una manovra in netta perdita, che però metterà fine alla voragine di bilancio causata dalla linea di prodotti dietetici.

Un futuro fatto di App e cibi naturali?

Per chi segue professionalmente il mondo delle diete, e tiene alla salute di chi deve perdere qualche chilo di troppo, c’è una buona notizia e una cattiva.

Sembrano aver perso la loro battaglia i prodotti dietetici a marchio, che promettono faville costringendo però chi segue il regime a cibarsi di surrogati, cibi con nutrienti ridotti all’osso e dai prezzi inaccessibili. E’ una buona notizia, che sicuramente spingerà in molti a spostarsi verso cibi più naturali e più efficaci per tornare a vivere sano.

La cattiva notizia è che questi programmi, spesso venduti da hobbisti con l’ossessione per gli incassi, sembrano essere stati rimpiazzati dalle App per smartphone, App che hanno creato una comunità del fai da te che spesso spinge i pazienti a mettersi a dieta senza la guida di un medico.

Un mondo in rapida evoluzione. Per adesso l’unico ad aver buttato giù qualche chilo è il portafogli di Nestlé.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons