La Svezia promuove una dieta low-carb contro l’obesità

stoccolma-low-carbLa Svezia è il primo paese occidentale a cambiare marcia. Dopo aver esaminato 16.000 studi sulle diete, il Ministero della Sanità svedese ha fatto la sua scelta, e a ha cominciato a consigliare ai suoi cittadini una dieta low-carb.

Più grassi, più proteine e meno zuccheri e carboidrati. Una ricetta per il dimagrimento resa popolare da Atkins e soci, e che ora sembra aver ricevuto la prima vidimazione ufficiale. 

Il Ministero ha commentato affermando che le diete senza grassi sembrano aver fallito e che quindi è giunto il momento di provare qualcosa di nuovo.

Ma cosa consiglia, in dettaglio, il Ministero della Salute di Stoccolma?

Più carboidrati della Atkins

La dieta suggerita dal Ministero non è pero una Atkins vera e propria, soprattutto nella sua fase iniziale. Si consiglia infatti ai cittadini svedesi di consumare tra il 20% e il  40% di calorie provenienti dai carboidrati, per poi dividere il rimanente tra proteine e grassi.

Secondo il ministero un regime del genere riuscirebbe ad incidere positivamente sul sistema cardiocircolatorio, riducendo il colesterolo cattivo e riducendo i rischi di patologie legate al cuore.

Il plauso dei ricercatori

Alcuni ricercatori hanno applaudito alla proposta del ministero svedese, dicendo che presto molti altri paesi si accorgeranno del fatto che la chiave per combattere il grosso dei problemi di obesità che affliggono ormai grosse percentuali della popolazione sta proprio nella riduzione dei carboidrati.

Certo sarà più difficile per l’Italia, dove le autorità continueranno a difendere a spada tratta il regime mediterraneo, regime che lascia poco spazio ad un consumo maggiore di grassi e proteine.

 

 

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons