Dieta e insaccati: quali posso mangiare?

prociutto crudo affettatoChi l’ha detto che gli insaccati dovrebbero sempre essere banditi dalla dieta? Per tua fortuna, un’alimentazione equilibrata prevede l’introduzione di qualunque alimento.

Mangiare un po’ di tutto, è infatti il modo migliore per dimagrire e preservarsi in perfetta salute.

Per tale ragione, nell’intraprendere una dieta non sarai costretto ad eliminare tutti quegli alimenti considerati grassi come gli insaccati, dato che ti basterà selezionare i tagli più magri e mangiarli con moderazione.

Eh già, contrariamente a ciò che pensi, vi sono anche insaccati non troppo nocivi e calorici.

Quali mangiare?

1)    Prosciutto crudo

Il prosciutto crudo è il miglior insaccato che tu possa mangiare, almeno per quel che concerne la digestione. Quest’ultimo presenta un apporto calorico di circa 200 calorie ogni 100 grammi ed è un alimento tendenzialmente sano e con povero di grasso.

Il punto debole del prosciutto crudo? E’ piuttosto salato. Per tale ragione, se soffri di ipertensione faresti bene ad evitarlo.

2)    Bresaola

La bresaola è senza ombra di dubbio l’insaccato più utilizzato nelle diete. Tutto merito del suo scarso contenuto calorico. Stiamo infatti parlando di sole 150 calorie ogni cento grammi, veramente un’inezia se la si mette a confronto con altri insaccati.

Per ottenere un piatto unico ben bilanciato, faresti bene ad associarla ad aceto balsamico e scaglie di grana e ad evitare l’olio d’oliva.

3)    Prosciutto cotto

Tra gli insaccati che puoi mangiare durante la dieta, come non citare il prosciutto cotto. Un po’ più calorico rispetto a prosciutto crudo e bresaola, tuttavia, ve ne sono diverse varianti, alcune speziate altre meno. Ad ogni modo, in genere, per quel che concerne le calorie, è simile al prosciutto crudo.

4)    Speck

Un insaccato piuttosto ricco di lipidi e proteine, che potresti consumare come secondo al posto della bistecca. Utile anche per condire la carbonara, in qualità di sostituto della pancetta a cubetti. Essendo ricco di sodio, faresti bene a consumarlo con moderazione.

Insaccati – Come mangiarli

A prescindere dal loro apporto calorico, i salumi possono presentarsi più o meno pericolosi per la salute in base a come vengono accompagnati.

Per tale ragione, faresti bene ad evitare di mangiarli in compagnia di ingenti quantitativi di pane o ad ungerli con maionese ed altre salse particolarmente caloriche. Per mantenerti leggero, potresti optare per gallette di mais o di riso, pane di segale, farro e kamut.

Dieta e insaccati – Gli ultimi studi

Stando alle ultime ricerche in materia, rimuovere gli affettati dalla dieta non agevolerebbe il dimagrimento, ma finirebbe per ostacolarlo. La mancata assunzione di insaccati, infatti, altererebbe l’equilibrio ormonale, finendo con il rallentare il metabolismo.

Ad ogni modo, attenendosi alle indicazioni dell’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la nutrizione, la dose giornaliera di insaccati raccomandata si aggirerebbe intorno ai 50 grammi (ovviamente questo quantitativo può differire in base al peso corporeo totale della persona).

Per meglio intenderci, cinquanta grammi corrisponderebbero a circa 4 fette di prosciutto cotto, da consumare per un massimo di 4 volte a settimana. Trattandosi di carni conservate, infatti, faresti meglio a limitarne il consumo.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons