Una dieta ricca di frutta previene gli aneurismi

melaUna mela al giorno… beh, toglie davvero il medico di torno. Secondo una recente ricerca infatti mangiare frutta in quantità potrebbe aiutarvi a prevenire il raro ma fatale aneurisma addominale.

Che cos’è un aneurisma?

Si tratta del cedimento di una arteria causata dalla debolezza delle sue pareti.

In genere si creano aneurismi nel cervello e nell’aorta, l’arteria principale collegata al cuore.

Si tratta dell’arteria di più grandi dimensioni, e un aneurisma che la colpisce ha luogo in genere nella parte bassa dell’addome. In caso di aneurisma addominale, purtroppo, le possibilità di salvarsi sono davvero poche. Cresce poco a poco, fino a raggiungere il punto di rottura senza mostrare alcun sintomo.

La ricerca

Già precedenti ricerche avevano collegato il consumo di frutta ad un rafforzamento delle pareti delle arterie e delle vene. Partendo da questi risultati un team di ricercatori svedesi ha condotto una ricerca su un campione di 80.000 uomini e donne, dividendoli in 4 gruppi a seconda della quantità di frutta consumata.

Sono stati seguiti per 13 anni. 1.100 di queste persone sono decedute a causa delle complicazioni successive ad un aneurisma addominale, e più dell’80% dei casi ha riguardato uomini.

La ricerca ha scoperto che il gruppo che ha mangiato più frutta di tutti (circa due porzioni al giorno) hanno avuto un tasso di aneurismi più basso del 25% rispetto agli altri gruppi. Una percentuale importantissima, considerando anche la fatalità del problema in questione.

La ricerca la potete trovare su Circulation, una rivista scientifica americana. Fate girare questo articolo tra chi di frutta non vuole sentirne neanche parlare. Potreste salvare una vita.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons