Senza glutine non vuol dire per forza “in salute”

glutine granoLa mania del senza glutine ha raggiunto anche chi il glutine lo digerisce benissimo e non avrebbe alcun bisogno di abbandonare i cibi che lo contengono.

Complice tanta disinformazione, e anche un po’ di attività di lobby da parte dei produttori, gli alimenti senza glutine sono praticamente ovunque, anche in quei posti e su quelle tavole dove la loro presenza non è assolutamente richiesta.

Il glutine non fa male

Il glutine di per sé non fa male. Anzi, è un nutriente sul quale l’umanità si è basata sin da quando le civiltà hanno cominciato a diventare stanziali e a coltivare grano.

Chi non è celiaco non ha alcun problema a digerirlo, e può continuare a mangiare in maniera assolutamente normale senza alcun tipo di preoccupazione.

Quando il glutine fa male

Il glutine fa male a chi è celiaco. Si tratta di una intolleranza piuttosto diffusa. Chi ne è affetto ha problemi a digerire il glutine, e un eventuale ingestione scatena reazioni allergiche tra le più varie.

Irritazione intestinale, stanchezza cronica e inappetenza sono solo le più comuni tra le sofferenze alle quali è sottoposto un celiaco che ingerisce glutine.

E allora? Perché sono ovunque?

E’ giustissimo avere attenzione per chi ha questo problema, ma non crediate che gli alimenti gluten-free siano diventati così popolari in quanto salutari. Non si tratta di un sinonimo di biologico, e non si tratta di qualcosa di tecnicamente migliore per chi non ha problemi a digerire il glutine.

Quindi non fatevi imbrogliare, se non avete alcun tipo di problema, continuate a consumare farine e pasta di grano duro.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Dietando.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons